Assassinio a Belgrado

Europa 1914
L’Europa nel 1914

Poco dopo le due del mattino dell’11 giugno 1903, ventotto ufficiali dell’esercito serbo si avvicinano all’ingresso principale del Palazzo reale di Belgrado. Dopo uno scontro a fuoco, le sentinelle che montano di guardia davanti all’edificio vengono arrestate e disarmate. Con le chiavi sottratte al capitano responsabile della sorveglianza, i cospiratori irrompono nel salone d’ingresso e si avviano verso le camere dei sovrani, correndo su per le scale e nei corridoi. Le due massicce porte di quercia che impediscono l’accesso agli appartamenti reali vengono fatte saltare con una carica di dinamite. L’esplosione è talmente forte che le porte vengono scardinate e scaraventate nell’anticamera interna, uccidendo l’aiutante reale che si trova lì dietro. Salta anche l’impianto elettrico del palazzo, e l’edificio sprofonda nel buio. Imperturbabili, gli invasori trovano alcune candele in una stanza vicina ed entrano nell’appartamento reale. Ma quando raggiungono la camera da letto, il re Alessandro e la regina Draga ormai non sono più lì. Il romanzo francese che la regina stava leggendo è aperto a faccia in giù sul comodino. Qualcuno tocca le lenzuola e sente che il letto è ancora caldo: sembra che siano andati via da poco. Dopo aver cercato invano nella camera da letto, gli invasori perlustrano il palazzo a lume di candela, con le pistole in pugno.

Mentre gli ufficiali passano di stanza in stanza, sparando ai mobili, alle tappezzerie, ai divani e ad altri possibili nascondigli, i sovrani se ne stanno rannicchiati al piano di sopra, in un piccolo annesso contiguo alla camera da letto, usato di solito dalle cameriere per stirare e rammendare. La ricerca va avanti per quasi due ore. Il re approfitta di questo intervallo di tempo per vestirsi con tutta la calma possibile, indossando un paio di pantaloni e una camicia di seta rossa: vuole evitare di farsi trovare nudo dai suoi nemici. La regina, per coprirsi, non trova altro che una sottoveste, un corsetto di seta bianca e un’unica calza gialla.

A Belgrado il complotto farà anche altre vittime: i due fratelli della regina, fortemente sospettati di nutrire propositi di conquista del trono serbo, vengono indotti a lasciare la casa della sorella e «portati in un posto di guardia nei pressi del Palazzo, dove [vengono] insultati e barbaramente accoltellati». Gli assassini fanno irruzione anche negli appartamenti del primo ministro, Dimitrije Cincar-Markovic, e del ministro della Guerra, Milovan Pavlovic. Entrambi vengono uccisi; contro Pavlovic, che si è nascosto in una cassa di legno, vengono sparati venticinque colpi. Il ministro dell’Interno Belimir Theodorovic viene ferito da colpi di arma da fuoco e creduto morto, ma riuscirà a salvarsi; altri ministri vengono arrestati.

Nel Palazzo, intanto, il fedele primo attendente del re, Lazar Petrovic, che è stato disarmato e catturato dopo uno scontro a fuoco, viene condotto lungo le sale buie e costretto a chiamare il re affacciandosi ad ogni porta. Ritornati nella camera del sovrano per ripetervi la ricerca, alla fine i cospiratori trovano un passaggio mimetizzato dalla tappezzeria. Quando uno di loro propone di sfondare il muro con una scure, Petrovic si rende conto che non è più possibile continuare la finzione e accetta di chiedere al re di uscire. Da dietro i pannelli, il re domanda chi è che lo sta chiamando, e il suo attendente gli risponde: «Sono io, il vostro Laza, aprite la porta ai vostri ufficiali!». Il re chiede allora: «Posso fidarmi del giuramento dei miei ufficiali?», ricevendo assicurazioni dai cospiratori. Secondo una testimonianza, a questo punto il sovrano, grassoccio, con gli occhiali sul naso e vestito con la sua assurda camicia di seta rossa, sbuca dal nascondiglio, cingendo la regina con le braccia. La coppia viene falciata da una scarica di colpi sparati a bruciapelo. Petrovic estrae allora la rivoltella che finora ha tenuto nascosta, nel disperato tentativo di proteggere il suo signore (o perlomeno così fu detto in seguito), ma rimane anch’egli ucciso. Poi, si scatena una scia di violenze gratuite. I cadaveri vengono infilzati con le spade, lacerati con una baionetta, in parte sventrati e fatti a pezzi con una scure, quindi mutilati fino a renderli irriconoscibili, come riferirà poi il traumatizzato barbiere italiano del re, al quale viene ordinato di raccogliere i corpi e di vestirli per le esequie. Il corpo della regina viene sollevato fino all’inferriata della finestra della camera e gettato, praticamente nudo e imbrattato di sangue, nei giardini sottostanti. Si disse che quando gli assassini tentarono di fare lo stesso con Alessandro, una mano gli si impigliò per un attimo nell’inferriata, e che un ufficiale gliel’avesse mozzata con una sciabolata, facendo cadere a terra il corpo assieme ai pezzi delle dita. Quando gli assassini si radunano in giardino per fumare e verificare l’esito della loro opera, è appena cominciato a piovere.

Gli eventi dell’11 giugno 1903 segnarono l’apertura di una nuova fase nella storia politica serba. La dinastia Obrenovic, che aveva regnato in Serbia per la maggior parte della breve vita del paese come Stato indipendente, non esisteva più. Poche ore dopo l’assassinio, i cospiratori annunciarono la fine della linea ereditaria degli Obrenovic e la successione al trono di Pietro Karadjordjevic, in quel momento esule in Svizzera.

Quale fu il motivo di una resa dei conti così brutale con la dinastia degli Obrenovic? In Serbia la monarchia non aveva mai raggiunto una salda stabilità istituzionale. La radice del problema risiedeva in parte nella coesistenza di due dinastie rivali. Due grandi clan familiari, gli Obrenovic e i Karadjordjevic, si erano distinti nella lotta di liberazione del paese dal controllo ottomano. L’ex pastore dalla pelle scura «Kara Djordje» (in serbo «Il Nero Giorgio») Petrovic, fondatore della dinastia Karadjordjevic, nel 1804 capeggiò una rivolta che riuscì a cacciare gli ottomani dalla Serbia per qualche anno, ma nel 1813, quando gli ex dominatori organizzarono la controffensiva, fuggì in esilio in Austria. Due anni dopo, scoppiò una seconda rivolta, sotto la guida di Miloš Obrenovic, un duttile politico che riuscì ad ottenere dalle autorità ottomane il riconoscimento di un principato serbo. Quando Karadjordjevic rientrò in Serbia dal suo esilio, venne assassinato per ordine di Obrenovic, con la connivenza degli ottomani. Avendo soppresso il suo principale avversario politico, Obrenovic ottenne il titolo di principe di Serbia. Alcuni membri del suo clan familiare governarono la Serbia per gran parte della sua esistenza come principato nel contesto dell’Impero ottomano (1817-1878).

Precedente Amazon contro Hachette: guerra sul prezzo degli e-book Successivo La NASA annuncia gli strumenti del rover Mars 2020 per esplorare il Pianeta Rosso come mai prima