Panchine ispirate ai capolavori della letteratura inglese

Paddington BearL’emozione di sedere sulla cultura. In questi giorni d’estate i turisti londinesi che passeggiano all’ombra del Globe, il famoso teatro shakespeariano sulla riva sud del Tamigi, avranno l’occasione unica di sedersi su un’opera d’arte: una panchina a forma di libro aperto, decorata con le immagini del Bardo e le sue leggendarie opere.

In giro per la capitale britannica, di panchine letterarie ve ne sono cinquanta, e tutte ispirate a libri ambientati a Londra. L’iniziativa si chiama Books about Town ed è promossa dal National Literacy Trust per celebrare l’eredità culturale e letteraria della città.

Sono realizzate da artisti famosi e decorate con i personaggi di classici per adulti e ragazzi. Ci sono le panchine del Diario di Bridget Jones e di Febbre a 90°, di Nick Hornby. Ma anche quella de L’importanza di chiamarsi Ernesto, di Oscar Wilde, di Mary Poppins e dell’orsetto Paddington.

Il 7 ottobre le cinquanta panchine saranno messe all’asta e il ricavato andrà ad un fondo per sostenere la diffusione della lettura nel Regno Unito, che è già a livelli record in Europa. Il 53% dei ragazzi britannici fra gli 8 e i 16 anni, secondo le statistiche, considera infatti la lettura una passione irrinunciabile.

I commenti sono chiusi.