Ecco perché è necessario refrigerare le uova negli Stati Uniti ma non in Europa

Uova

Gli europei conservano le uova a temperatura ambiente, mentre gli americani le mettono in frigorifero. Ciò spinge alcuni turisti americani di ritorno a casa ad avere un atteggiamento più continentale verso la conservazione delle uova. Cattiva idea.

Anche se tenere le uova a temperatura ambiente è una buona idea in Europa, a causa delle differenze nella produzione, può essere molto pericoloso negli Stati Uniti.

La ragione viene da come trattiamo un semplice, ma molto insidioso batterio, la salmonella, che può causare problemi gravi all’apparato digerente e rivelarsi anche fatale. La salmonella può essere introdotta in due modi – dall’esterno dell’uovo (in seguito al contatto con materia organica come il letame di pollo) e dall’interno (direttamente dalla gallina all’uovo).

Secondo il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA), ci sono più di 140.000 casi di avvelenamento da salmonella da uova negli Stati Uniti ogni anno. Si è così diffusa che è stata definita una “epidemia nazionale”. E quando le uova vengono lasciate a temperatura ambiente, la salmonella può moltiplicarsi molto rapidamente, raggiungendo livelli pericolosi nel giro di poche settimane.

I produttori di uova americani si concentrano nel prevenire la contaminazione dall’esterno, come richiesto dall’USDA, lavando accuratamente le uova prima di essere vendute. Sono sciacquate in acqua calda, asciugate e spruzzate con una nebbia di cloro quasi nel momento in cui vengono fatte.

Gli europei adottano un approccio diverso. Nel Regno Unito, ad esempio, i produttori invece vaccinano le galline ovaiole per evitare la trasmissione della salmonella. Poi fanno affidamento su un sottile rivestimento naturale chiamato cuticola, per evitare che qualsiasi contaminazione dall’esterno del guscio penetri nell’uovo.

Le autorità britanniche in realtà scoraggiano la refrigerazione delle uova, basandosi sulla teoria che il raffreddamento e poi il riscaldamento possa creare condensa, che consentirebbe alla salmonella di penetrare il guscio.

Negli Stati Uniti, la cuticola viene rimossa durante il lavaggio e anche se alcuni produttori la sostituiscono con un sottile rivestimento sintetico, i regolamenti richiedono comunque la refrigerazione.

Forse negli Stati Uniti si stanno gradualmente muovendo nella direzione europea. L’immunizzazione contro la salmonella ha ridotto drasticamente il numero dei casi nel Regno Unito in 20 anni, e dopo un focolaio di salmonella nel 2010, sempre più produttori di uova americane stanno iniziando a praticarla.

E, naturalmente, non esistono normative in materia di uova prodotte da allevamenti a carattere familiare.

Nel frattempo, c’è qualche problema nel tenere le uova in frigorifero? Non proprio. Ci sono coloro che sostengono che la refrigerazione assottiglia bianco. E certamente, conservare le uova in frigorifero per troppo tempo insieme a cibi dal forte odore le farà prendere un altro sapore.

Successivo La cannabis può davvero innescare la paranoia